Questo articolo è stato letto 47 volte

Contestazione atto di pignoramento: non serve querela di falso

atto-di-pignoramento.jpg

La Corte di Cassazione afferma che gli atti processuali dell’Agente della riscossione non godono di fede privilegiata poiché sono redatti nell’ambito di funzioni diverse da quelle di ufficiale giudiziario.

Nella sentenza n. 26519, la Suprema Corte afferma quindi che i contenuti di un atto di pignoramento presso terzi redatto dall’agente della riscossione può essere contestato senza che sia necessaria la querela di falso.

>> Leggi la SENTENZA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>