Questo articolo è stato letto 219 volte

Esenzione IMU e TASI per abitazione principale a coniugi che abitano in due comuni diversi

imu

L’articolo 13, comma 2, del D.L. 201/2011 prevede l’esenzione d’imposta per l’abitazione principale, intesa quale immobile in cui il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente.

La norma non esclude, tuttavia, la possibilità di più “abitazioni principali” (purché non ricomprese nel medesimo comune) del nucleo familiare.

Pertanto, la Commissione tributaria provinciale di Brescia (sentenza 605 del 14 luglio) ha stabilito che l’ esenzione IMU e TASI per l’abitazione principale si possa applicare anche a due immobili posseduti da coniugi che hanno appunto stabilito l’abitazione principale in due comuni diversi, a patto, ovviamente, che alla residenza anagrafica faccia riscontro anche l’abitualità della dimora.

Commissione Tributaria Provinciale Brescia 14/7/2016 n. 605

 

Ti consigliamo il volume:

carpenedo_tributi_locali

I tributi locali nel 2016

di Cristina Carpenedo

La fiscalità locale è stata interessata da due importanti eventi normativi: la legge 28 dicembre 2015 n. 208, la legge di stabilità per il 2016 ed i decreti legislativi n.ri. 156, 158 e 159 del 24 settembre 2015 di attuazione della delega fiscale (approvata con L. 23 del 11/03/2014).

Questo volume è strutturato in una prima parte dedicata agli interventi della legge di stabilità e in una seconda parte dedicata agli istituti che caratterizzano la gestione della fiscalità locale.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>