Questo articolo è stato letto 75 volte

Il Punto di Stefania Zammarchi – Come riscuotere senza Equitalia

riscossione_equitalia

di S. Zammarchi (www.ufficiotributi.it 4/7/2016)

Con la pubblicazione in G.U. del Decreto Legge 24 giugno 2016 n.113, recante “Misure finanziarie urgenti per gli enti territoriali e il territorio” (c.d. Decreto Enti Locali), è stata sancita l’ennesima proroga alla previsione di uscita di Equitalia dall’ambito di riscossione per gli enti locali. Di fatto, ad  opera dell’articolo 18, del richiamato decreto, viene differito il termine stabilito dall’articolo 10, comma 2-ter, D.L. n. 35/2013, dal 30 giugno al 31 dicembre 2016. Si rammenta che la norma di riferimento, ossia il comma 2-ter citato, inizialmente aveva fissato la scadenza della collaborazione di Equitalia con i Comuni, a giugno 2013, pertanto, ci troviamo di fronte all’ottava proroga. Benché l’intenzione del legislatore sia quella di “favorire il compiuto, ordinato ed efficace riordino della disciplina delle attività di gestione e riscossione delle entrate dei Comuni”, il continuo procrastinare dell’addio al “sistema Equitalia”, denota l’incapacità delle istituzioni di affrontare la questione della riscossione coattiva, soprattutto in ambito di fiscalità locale. La normativa di riferimento, ossia l’articolo 7, comma  2, lettera gg-ter), del D. L. 13 maggio 2011, n. 70, e l’articolo 3,commi 24, 25 e 25-bis, del D. L. 30 settembre 2005, n. 203, avevano previsto “inderogabilmente”, la cessazione delle attività di accertamento, liquidazione e riscossione, spontanea e coattiva, delle entrate, tributarie o patrimoniali, dei comuni e delle società da essi partecipate. Le suddette disposizioni hanno appunto ipotizzato il riordino della disciplina delle attività di gestone e riscossione delle entrate locali, anche attraverso l’istituzione di un Consorzio, ”che si avvale delle società del Gruppo Equitalia per le attività di supporto all’esercizio delle funzioni relative alla riscossione”.

Continua a leggere l’articolo

 

Novità editoriale:

carpenedo_tributi_locali

I tributi locali nel 2016

di Cristina Carpenedo

La fiscalità locale è stata interessata da due importanti eventi normativi: la legge 28 dicembre 2015 n. 208, la legge di stabilità per il 2016 ed i decreti legislativi n.ri. 156, 158 e 159 del 24 settembre 2015 di attuazione della delega fiscale (approvata con L. 23 del 11/03/2014).

Questo volume è strutturato in una prima parte dedicata agli interventi della legge di stabilità e in una seconda parte dedicata agli istituti che caratterizzano la gestione della fiscalità locale.

>> SCOPRI DI PIU’ <<

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>