Questo articolo è stato letto 78 volte

Il silenzio assenso sulle cartelle di pagamento. Come agire

COME FARE: modelli operativi

ctr-bari-su-avviso-e-cartella-di-pagamento.jpg

L’istituto della (ex)sospensione della riscossione su iniziativa del debitore

Con la legge 228/2012 è stato inserito nell’ordinamento giuridico un istituto che, in origine, prevedeva la sospensione immediata della riscossione, in grado di agire automaticamente per il solo fatto di essere stata presentata e che perdura fino a quando lo stesso ente impositore non interviene con un apposito riscontro.

La disciplina si trova in un gruppo di commi contenuti nell’articolo 1 della legge 228/2012, che sono stati oggetto di importanti modifiche ad opera del d.lgs. 159/2015.
A delineare la fattispecie è il comma 537 che resta confermato nella versione iniziale, pur con le attenuazioni che derivano dal comma 539 bis.
537. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, gli enti e le società’ incaricate per la riscossione dei tributi, di seguito denominati «concessionari per la riscossione», sono tenuti a sospendere immediatamente ogni ulteriore iniziativa finalizzata alla riscossione delle somme iscritte a ruolo o affidate, su presentazione di una dichiarazione da parte del debitore, limitatamente alle partite relative agli atti espressamente indicati dal debitore, effettuata ai sensi del comma 538. 

La procedura è operativa dal 1 gennaio 2013 ma con effetti diversi fino alla data del 22 ottobre 2015. La formulazione creava un obbligo di sospensione immediata in capo a enti e società incaricate per la riscossione dei tributi, di ulteriori iniziative rispetto a quelle adottate.
Dal 22 ottobre 2015 non si produce più la sospensione ma resta la finalità di generare il silenzio assenso in caso di mancato riscontro dell’ente impositore: la partita è annullata di diritto e il concessionario è automaticamente discaricato.

Continua a leggere

SCARICA IL MODELLO di Comunicazione di inidoneità ai fini della sospensione immediata della riscossione

 

Per maggiori approfondimenti consulta il nostro SPECIALE sulla RISCOSSIONE

Novità editoriale:

tributi_locali_2017I tributi locali nel 2017

di Cristina Carpenedo

Nel 2017 la fiscalità vive un altro capitolo della riscossione pubblica, che abbandona il modello Equitalia per dare spazio alla nuova Agenzia delle Entrate – Riscossione.
Il volume analizza il nuovo attore della riscossione, le modalità di affidamento e il ventaglio di alternative che fanno capo all’ingiunzione fiscale, che rimane strumento di forte interesse per i comuni, maggiormente rispondente ai principi della contabilità armonizzata.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>