Questo articolo è stato letto 68 volte

IMU dovuta dalle società pubbliche

Il Caso di C. Carpenedo

imu

La società pubblica del comune è proprietaria di alcuni beni immobili necessari per lo svolgimento delle attività affidate in concessione dal comune. La società ritiene di non essere soggetta al pagamento dell’IMU in quanto proprietà interamente pubblica del comune. È possibile ritenere il soggetto esente?

La questione dell’IMU dovuta dalle società pubbliche proprietarie di beni immobili è spesso fondata sulla convinzione che l’esercizio delle funzioni concesse con il regime in house providing giustifichi la non debenza dell’imposta.
In realtà l’esenzioni dei tributi è decisa da norma di legge di stretta interpretazione che, solo laddove ammetta delle possibilità di manovra, potrà essere esercitata mediante regolamento. È quanto ad esempio avviene per la Tari dove la legge 147/2013 si presenta molto permissiva. Cosa ben diversa sono altri tributi come l’IMU, la Tosap e l’Imposta di pubblicità: in questi casi si tratta di tributi con apposita disciplina dei casi di esenzione senza alcun residuo di potestà per l’ente.

Continua a leggere la risposta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>