Questo articolo è stato letto 190 volte

L’approvazione delle tariffe dell’ imposta di soggiorno

COME FARE: modelli operativi

tassa_soggiorno

L’intervento del DL 50/2017 permette di derogare al blocco della pressione fiscale grazie alle disposizioni contenute nell’articolo 4 comma 7, che esplicitamente derogano alla disposizione dell’articolo 1 comma 26 della legge 208/2015. La deroga è stata scritta senza limite di tempo, per cui si ritiene continuativa anche in presenza della ulteriore proroga a valere sul 2018 del blocco della pressione fiscale.
A decorrere dall’anno 2017 gli enti che hanno facoltà di applicare l’imposta di soggiorno ai sensi dell’articolo 4 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, e il contributo di soggiorno di cui all’articolo 14, comma 16, lettera e), del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, possono, in deroga all’articolo 1, comma 26, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, e all’articolo 1, comma 169, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, istituire o rimodulare l’imposta di soggiorno e il contributo di soggiorno medesimi.
L’organo competente ad approvare la misura delle tariffe dell’imposta di soggiorno è la giunta comunale, nel rispetto delle norme del Tuel che assegnano al Consiglio comunale l’istituzione e l’ordinamento dei tributi (art. 42 tuel) e tutto ciò che residua, all’organo esecutivo.

>> Continua a leggere l’articolo <<

SCARICA LA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE – Conferma tariffe imposta di soggiorno anno 2018

 

LEGGI TUTTI gli ARTICOLI della RUBRICA COME FARE: modelli operativi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>