Questo articolo è stato letto 52 volte

L’estinzione della società non determina l’estinzione dei debiti insoddisfatti nei confronti di terzi

anticipazioni-di-liquidita-date-alle-regioni-per-il-ripianamento-dei-debiti-pregressi.bmp

L’estinzione di qualsiasi società avvenuta, in base all’articolo 2495 del Codice Civile, ai soli fini tributari, ha effetto trascorsi cinque anni dalla richiesta di cancellazione dal Registro Imprese.

La S.C. chiarisce che “la cancellazione della società dal registro delle imprese, pur provocando (…)  l’estinzione della società, non determina l’estinzione dei debiti insoddisfatti nei confronti dei terzi, verificandosi un fenomeno di tipo successorio sui generis in cui la responsabilità dei soci è limitata alla parte di ciascuno di essi.
Spetta all’Amministrazione finanziaria agire per i pregressi debiti tributari della società.

Ordinanza Corte di Cassazione Civile Tributaria sez. VI 28/9/2016 n. 19142

 

Ti consigliamo il VOLUME:

contenzioso_tributario

Il contenzioso in materia di tributi locali

di Lovisetti MaurizioDomenico Occagna

Questo volume esamina, nella prima parte, la nuova disciplina del processo tributario, come risultante dalle ultime modifiche apportate, entrate in vigore, salvo eccezioni, dal 1° gennaio 2016, ed è specificamente mirato alla gestione dei contenziosi che riguardano i tributi locali.

La seconda parte illustra un ipotetico processo attraverso lo svolgimento degli atti delle parti e dell’organo giurisdizionale, mettendo in pratica le nozioni teoriche della prima parte, puntualmente richiamate da specifici riferimenti. 

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>