Questo articolo è stato letto 453 volte

Notifica con poste private

notifica

La Corte di Cassazione conferma l’illegittimità della notifica di un atto di accertamento con poste private. La sentenza n. 2173/2018 ha stabilito che nell’ipotesi di notificazione dell’atto di accertamento tramite un’agenzia privata, quindi con una modalità non contemplata dall’ordinamento, si concretizza l’inesistenza giuridica della relativa notifica, che non si sana nemmeno con la proposizione del ricorso.

Fino a quando non saranno rilasciate le nuove licenze individuali relative allo svolgimento dei servizi di notificazione, continuano ad applicarsi le disposizioni che riservano le notificazioni a Poste Italiane.

Quando il legislatore fa riferimento alla notificazione con «raccomandata con avviso di ricevimento» intende il servizio postale universale, con la conseguenza che la notificazione avvenuta con le agenzie private si deve ritenere inesistente.

LEGGI LA SENTENZA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>