Questo articolo è stato letto 123 volte

Come fare il Regolamento delle entrate tributarie. Contenuti obbligatori (Prima Parte)

COME FARE: modelli operativi

entrate tributarie

Il futuro della gestione dei tributi locali non è governata unicamente dalle disposizioni della legge di stabilità, spesso intrise di norme che esauriscono la loro validità nel giro di un anno. Un passo importante è stato fatto nel 2015 con l’approvazione dei decreti attuativi della delega fiscale. La legge contiene principi importanti che rispondono a una gestione orientata verso le garanzie difensive del contribuente, la limitazione del contenzioso e la facilitazione degli adempimenti dei contribuenti. Certamente ci si aspettava molto di più dai decreti di attuazione, nei quali non hanno trovato spazio principi importanti. Ma qualcosa di nuovo c’è. Un’importante rivisitazione degli istituti difensivi con l’estensione di nuove regole di dialogo con il contribuente, anche per il mondo degli enti locali.
Alla luce di quanto accaduto fin qui, è inevitabile una rivisitazione delle norme che si trovano in particolare nel regolamento generale delle entrate.
Analizzeremo in questa sede gli istituti che permeano la gestione dei tributi locali da trattare nel regolamento generale delle entrate, rivisti dalle decisioni legislative e dagli orientamenti giurisprudenziali prevalenti. Ci sono norme che dovevano essere recepite entro giugno 2016 e gestioni che abbisognano di regole per poter funzionare. Ne sono esempio la dilazione di pagamento per i tributi locali e la riscossione coattiva condotta con lo strumento dell’ingiunzione di pagamento.
Nella G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 è stata pubblicata la Legge 11 marzo 2014, n. 23, entrata in vigore il  27 marzo 2014,  recante “Delega al Governo recante disposizioni per un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita”.
La Legge n. 23/14 getta le basi per una serie di importanti riforme attese da anni. I decreti legislativi che contengono dei risvolti operativi per i tributi locali, obbligando a delle modifiche sui regolamenti e sugli atti gestionali dei comuni sono il 156 e il 159 del 2015. Il decreto legislativo 156 del 24 settembre 2015 contiene una ampia riforma del contenzioso tributario ed estende al mondo dei tributi locali l’istituto dell’interpello e della mediazione oltre che a introdurre diverse modifiche al contenzioso tributario.

Continua a leggere

Nella seconda parte forniremo il MODELLO di REGOLAMENTO delle ENTRATE TRIBUTARIE

Novità editoriale:

tributi_locali_2017I tributi locali nel 2017

di Cristina Carpenedo

Nel 2017 la fiscalità vive un altro capitolo della riscossione pubblica, che abbandona il modello Equitalia per dare spazio alla nuova Agenzia delle Entrate – Riscossione.
Il volume analizza il nuovo attore della riscossione, le modalità di affidamento e il ventaglio di alternative che fanno capo all’ingiunzione fiscale, che rimane strumento di forte interesse per i comuni, maggiormente rispondente ai principi della contabilità armonizzata.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>