Questo articolo è stato letto 1 volte

Maggiorazioni Tares in discesa

Fonte: Italia Oggi

Nessuna sanzione per chi incolpevolmente non paga in tempo la maggiorazione Tares. Nel caso in cui il comune non abbia inviato i modelli di pagamento in tempo utile il contribuente che versa in ritardo non è infatti soggetto a sanzione. Il ravvedimento è possibile sia per la mini Imu sia per la maggiorazione Tares. Questi alcuni dei chiarimenti messi ieri sera a disposizione dei contribuenti dal parte del ministero dell’economia e delle finanze in forma di risposte a faq, cioè le alcune domande frequentemente poste all’amministrazione finanziaria da operatori professionali e dai soggetti che realizzano i software per il calcolo dei tributi, in merito alla corretta applicazione della cosiddetta mini Imu di cui all’art. 1 del dl n. 133 del 2013 e della maggiorazione Tares di cui al comma 13 dell’art. 14 del dl n. 201 del 2011, il cui termine di versamento è stato fissato al 24 gennaio 2014 dal comma 680 dell’art. 1 della legge di Stabilità per l’anno 2014. Proprio sul punto va registrata la polemica scoppiata nei giorni scorsi e che ha visto protagonisti i Caf (Centri di assistenza fiscale) che hanno parlato di file di contribuenti preoccupati dall’accumularsi delle scadenze e dalla confusione normativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>