Baratto amministrativo

La possibilità di prevedere riduzioni/esenzioni di tributi – e non la sanatoria di debiti pregressi di cui il comune non può disporre – è stata prevista con l’art. 24 del d.l. 133/2014. In questo senso, la norma prevede che “i comuni possono definire con apposita delibera i criteri e le condizioni per la realizzazione di interventi su progetti presentati da cittadini singoli o associati, purché individuati in relazione al territorio da riqualificare. Gli interventi possono riguardare la pulizia, la manutenzione, l’abbellimento di aree verdi, piazze, strade ovvero interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzati, e in genere la valorizzazione di una limitata zona del territorio urbano o extraurbano”.